La nostra genetica è il prodotto dei nostri antenati

La nostra genetica è il prodotto dei nostri antenati e dell’ambiente dei nostri antenati. La maggior parte dell’ambiente in cui vivevano i nostri antenati era il cibo che mangiavano, e una delle scelte più importanti che potevano fare era se mangiare principalmente ortaggi o grandi quantità di carne e prodotti animali, frutti di mare, latticini, ecc.

Ora sappiamo che tale scelta influenza il nostro metabolismo, influenza i nostri geni. Siamo nati con alcuni geni che corrispondono alle diete dei nostri antenati. Quindi chi ha antenati che erano prevalentemente vegetariani, con pochissima quantità di carne e prodotti animali nella loro dieta, ha un metabolismo diverso da quello di persone che hanno antenati che mangiavano una quantità molto alta di carne, elevate quantità di frutti di mare, quantità molto elevate di prodotti lattiero-caseari, per esempio.

Una mancata corrispondenza tra la dieta moderna e la dieta dei nostri antenati può essere molto problematica.

Se un genitore impone una dieta a un bambino che è molto diversa rispetto al patrimonio genetico di quel bambino, c’è il rischio di un disadattamento e che il metabolismo del bambino non sarà corretto per tale dieta, che la loro salute non sarà perfetta e che tutto ciò si rivelerà man mano che invecchia.

Sappiamo che un buon modo di scegliere la propria dieta è consumare i cibi che erano caratteristici dei nostri antenati. E vi è un periodo vulnerabile, quando il loro cervello è in rapida crescita, in cui se non ha i giusti nutrienti rimane per sempre diverso.

I rischi di una rigorosa dieta vegana sono le carenze nutrizionali legate alla mancanza di carne, vale a dire che la carne ha le giuste proporzioni e i giusti livelli di alcuni nutrienti, che non si trovano allo stesso livello nelle verdure.

Al fine di avere una dieta vegana sana si devono scegliere con attenzione le verdure per avere un profilo nutrizionale che assomigli, più o meno, a quello della carne, o a quello di una sorta di dieta carnivora, e quindi è molto difficile da seguire per la maggior parte delle persone.

La dieta mediterranea, in generale, è ampiamente riconosciuta nel mondo occidentale come una dieta molto sana.

 

Tom Brenna, Professore di Nutrizione Umana e di Chimica, Scienze Nutrizionali, Cornell University, NY USA

 

Fonte: Simposio Scientifico Internazionale “Il ruolo della carne nell’alimentazione umana”