Earth Day 2016, la filiera delle carni c’è

Come ogni 22 aprile dal 1970, oggi è la Giornata della Terra. Nato su iniziativa delle Nazioni Unite per ricordare a tutti quanto sia necessario conservare le (limitate) risorse naturali del pianeta Terra, l’Earth Day ha come obiettivo quello di sensibilizzare il maggior numero di persone possibile attraverso migliaia di attività e manifestazioni sparse, oggi, in ben 175 Paesi. La filiera delle carni, molto orientata sulla riduzione del proprio impatto ambientale, dà tutto il suo supporto all’iniziativa.

I temi sono numerosi: dalla riduzione dell’inquinamento alla lotta ai cambiamenti climatici, dalla transizione alle energie rinnovabili all’efficienza dei metodi di produzione e dei trasporti, fino alla riduzione degli sprechi, della produzione di rifiuti e dell’uso di risorse idriche, i modi attraverso cui l’attività umana può ridurre il suo impatto sugli ecosistemi sono molteplici.

La filiera delle carni, soprattutto in Italia, come abbiamo spesso spiegato sulle nostre pagine sta facendo notevoli sforzi per impattare meno sull’ambiente. E in gran parte ci sta riuscendo: utilizzando praticamente tutti i suoi scarti per produrre energie rinnovabili, riducendo l’uso di acqua come probabilmente in nessun altro luogo del mondo occidentale si sta facendo e decine di altri modi.

E’ per questo che anche il Progetto Carni Sostenibili promuove l’Earth Day, che in Italia come nel resto del mondo “vuole creare una rete di persone, associazioni, realtà di ogni tipo con cui condividere l’obiettivo di promuovere la formazione di una nuova coscienza ambientale”.

Per maggiori informazioni sulle numerose manifestazioni in corso nel nostro Paese, visitate il sito di Earth Day Italia. Ricordando però una cosa importante, come del resto fanno anche gli organizzatori di questa bella iniziativa: “Ogni giorno è una Giornata della Terra”.

Redazione Carni Sostenibili