Anche i grassi sono utili

Anche i grassi fanno bene. Dipende da quanti, e quali. Sulla base di recenti raccomandazioni del Dietary Guidelines Advisory Committee (DGAC) americano, infatti, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani dovrebbero rimuovere i limiti sul consumo totale di grassi nella loro 2015 Dietary Guideline. Promuovendo invece il consumo di grassi salutari.

Ogni 5 anni, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani pubblicano assieme le Dietary Guidelines for Americans. Queste linee guida hanno generalmente un’influenza di vasta portata. Ad esse si ispirano infatti le decisioni riguardanti l’approvvigionamento di cibo scuole, mense pubbliche e militari, ma anche i programmi di assistenza alimentare, la produzione agricola, i ristoranti e l’industria alimentare.

In effetti, una revisione accurata delle linee guida dietetiche può essere di fondamentale importanza per la salute di milioni di persone.

Ciò che spicca maggiormente nelle linee guida che sono state appena diffuse, però, è appunto l’invito a fermare l’ossessione anti-grassi che porta ormai molte, troppe persone ad escludere a priori gli alimenti che ne contengono. A partire dai salumi, dalle carni e dai formaggi.

In particolare, secondo il DGAC, rimpiazzare i grassi con i carboidrati non garantisce una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. Molto più utile, invece, sarebbe ottimizzare il consumo dei grassi stessi, evitando di eliminarne il consumo.

Come al solito, la verità sta nel mezzo, ossia in una dieta completa ed equilibrata. E una volta di più abbiamo conferma del fatto che gli spauracchi alimentari e le mode salutistiche improvvisate non solo non portano a nulla di buono, ma possono anche provocare effetti sulla salute a dir poco indesiderati.