Allarmismi e bufale, un danno da 700 milioni